Senza Francobollo – 23, 24, 25 novembre 2018

SenzaFrancobollo36555Scarica l'immagine ad alta risoluzione »

Liberamente ispirato a “Oscar e la dama in rosa” di Eric Emmanuel Schmitt
con Valerio Bongiorno, Sara Cicenia
testo e regia Riccardo Colombini
scene Marco Muzzolon
collaborazione ai costumi Mirella Salvischiani
luci Matteo Crespi
produzione Schedía Teatro
con il sostegno di Next – Laboratorio delle Idee di Regione Lombardia (ed. 2013)

Spettacolo vincitore di Tagad’Off 2015 – Festival di Nuova Drammaturgia Lombarda di Residenza Teatrale Ilinxarium/Ilinx Teatro
in collaborazione con clinicaMENTE

In occasione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, Senza francobollo torna allo Spazio Banterle. Uno luogo sospeso, sommerso di lettere, e due personaggi: postini o custodi di sogni e dilemmi. Una strana lettera: “Da Mario a Dio”. Mario è un bambino, sta morendo e scrive a Dio per porre domande innocenti e disarmanti: di che colore è la morte? che profumo ha? che musica si sente? Ai due postini non resta che rispondere. Ma come si può fingersi Dio? E chi è davvero Dio? Ne nasce un sottile dialogo che si fa gioco per Mario e i due postini: narrare la vita, immaginando di vivere ciascun giorno come se fossero dieci anni. Gioie, sconfitte, amori, dolori: il mosaico di un’esistenza forse non straordinaria ma di certo unica, come ogni vita in questo mondo.

Sabato 24 novembre dopo lo spettacolo

INCONTRO: LE PAROLE CHE NON CI SIAMO DETTI 

Uso del tempo, un tempo che non torna più. Dire la verità, ingaggiarsi nel ruolo del genitore forte, speciale, negando insicurezze, fragilità e emozioni.

[…] darei, farei qualsiasi cosa per avere un ora, un giorno per poterci dire quanta paura avevamo della tua malattia e della morte. Della rabbia, ingiustizia e impotenza che sentivamo perché eri un bambino che voleva fare: l’attore, gli spettacolini, il dottore, il cantante rock e raccontare le barzellette. Perdonami per tutte le parole, emozioni che non ti ho permesso e non mi sono permessa. (Dalla lettera aperta al figlio di Elisabetta Ciaccia)

Incontro con Elisabetta Ciaccia, responsabile del progetto “PSICOLOGO IN HOSPITAL KIDS” dell’Associazione clinicaMENTE presso la Clinica pediatrica De Marchi, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano. Il progetto, nato a luglio 2016, ha l’obiettivo di creare uno spazio psicologico con professionisti all’interno della Clinica rivolto ai genitori, ai piccoli pazienti e agli operatori. L’aiuto psicologico servirà a sostenere i genitori nei momenti critici della malattia, cercando di mitigare paura, smarrimento e allo stesso tempo favorire l’accettazione e comprensione della diagnosi e la cooperazione durante la terapia. Gli operatori potranno avvalersi dello spazio psicologico per essere supportati in situazioni di stress e fatica emotiva come la perdita di un bambino chiedendo incontri individuali e di gruppo.

Biglietti in vendita su vivaticket o in biglietteria

ORARI SPETTACOLI

Venerdì ore 20.30

Sabato ore 19.30

Domenica ore 16.30

DOVE SIAMO

Largo Corsia dei Servi, 4, 20122, Milano (presso Centro Culturale di Milano)

M1 (San Babila) – M1, M3 (Duomo)

Bus 54, 60, 61, 73, 84

Tram 15, 23