Ritter, Dene, Voss

rittere_dene_voss_foto_emiliano_boga_bassa-11Scarica l'immagine ad alta risoluzione »
  • PRODUZIONETeatro de Gli Incamminati - Teatro della Cooperativa
  • TESTO DIThomas Bernhard
  • TRADUZIONEEugenio Bernardi
  • REGIARenato Sarti
  • SCENE E COSTUMICarlo Sala
  • INTERPRETI

    Carlo Rossi, Valerio Bongiorno, Piero Lenardon

  • SCARICA LA SCHEDA DI PRESENTAZIONENote di regia
  • SCARICA LA LOCANDINAlocandina

Ritter, Dene, Voss. Potrebbe essere l’inizio di una filastrocca infantile. O una di quelle formule iniziatiche ormai scomparse, ultimo residuo di antichi riti magici che l’uso secolare ha ridotto a puro suono.

Ritter, Dene, Voss sono i nomi di tre attori tedeschi, Ilse Ritter, Kristen Dene e Gert Voss, primi interpreti dell’opera di Thomas Bernhard al Festival di Salisburgo nell’estate del 1986, per la regia di Claus Peymann. Nella pièce il solo Voss ha anche un nome di scena, Ludwig; mentre Ritter e Dene sono semplicemente la sorella minore e quella maggiore.

È Dene ad iniziare, con frasi brevi, sintesi di concetti non correlati tra loro. Ritter, dalla sedia, con il giornale aperto e la sigaretta in una mano, la guarda e la ascolta con malcelato fastidio e disprezzo per la minuziosità con cui accomoda il grande tavolo da pranzo.

Immerse nei ritratti di famiglia che adornano orribilmente le pareti della sala, memoria di antichi e gloriosi fasti, le due sorelle, attrici, attendono l’arrivo del fratello Ludwig (Wittgestein?) – filosofo paranoico e geniale di ritorno dal manicomio in cui si è rinchiuso volontariamente a pagamento – per consumare quella che si trasforma ben presto in una cena delle beffe.

Ne nasce un ménage à trois di doppi sensi e seduzioni tormentate, i quali svelano i rapporti incestuosi che legano i tre protagonisti: si celebra lo sfacelo della famiglia, cui fa da sfondo quello dell’Austria post-Anschluss e pre-Haider.

Una messa in scena che, senza perdere di vista gli alti riferimenti filosofici e culturali del testo e senza perdere nulla del profondo dramma umano che lo permea, ne mette in evidenza gli aspetti comico-grotteschi. La geniale scrittura di Bernhard trasforma il più profondo tormento in risata acida. I ragazzi della Filarmonica Clown, con la loro trentennale esperienza, sono gli interpreti perfetti per dare a questa tragicommedia spessore e leggerezza.

PHOTOGALLERY